Qual è l'acqua perfetta per fare il caffè?

Aggiornato il: apr 6

Ogni anno, il 22 marzo, le Nazioni Unite lanciano un appello per celebrare la giornata dedicata alla tutela della risorsa idrica. L’obiettivo della Giornata mondiale dell’acqua (#WorldWaterDay) è quello di celebrare l’acqua e richiamare l’attenzione sulla crisi idrica globale, sensibilizzando la popolazione.



Il tema della Giornata di quest’anno è “valorizzare l’acqua”. Il valore dell’acqua è infatti molto più del suo prezzo: l’acqua ha un valore enorme e complesso da un punto di vista familiare, alimentare e culturale, per la salute, per l’istruzione e per la salvaguardia dell’integrità del nostro ambiente naturale. La sfida lanciata dalla Giornata mondiale di quest’anno è quella di raggiungere una comprensione completa del valore dell’acqua: se trascuriamo uno di questi valori, non saremo in grado, infatti, di salvaguardare questa risorsa – finita e insostituibile – a beneficio di tutti.


In occasione del World Water Day noi di caffè Buongiorno vorremmo “valorizzare l’acqua” raccontandovi quanto questo elemento sia fondamentale per ottenere un espresso perfetto.

L'acqua è essenziale nella buona riuscita di una bevanda, e in particolar modo del caffè.



L’acqua è un ingrediente indispensabile per il caffè, dato che costituisce la maggior parte della bevanda e ne consente l’estrazione dal macinato.


La prima cosa da dire, anche se può sembrare banale, è che l’acqua migliore da usare per l’estrazione dovrebbe essere incolore, inodore ed insapore in modo da non contaminare la nostra tazzina: se desideriamo una variante di gusto saremo poi noi a decidere cosa aggiungere, dal latte alla grappa.


Chi esige un caffè impeccabile non può permettersi di trascurare le caratteristiche dell’acqua usata dalla macchina del caffè.


La maggior parte dei ristoratori e dei consumatori sceglie, per praticità e convenienza, di fare uso dell’acqua proveniente dall’acquedotto comunale che, per legge, deve essere inodore, incolore e sterile ma purtroppo non è sempre così.


La base della riuscita di un perfetto espresso “a prova di crema”, è quella di estrarre il caffè tenendo l’acqua sotto pressione (9 bar) e ad alta temperatura (90°) perché solo così riesce ad estrarre la giusta quantità di sostanze oleiche, aromatiche ed i “body producer”, ovvero quelle sostanze che realizzano la magia dell’espresso e che consentono il formasi della crema.



Per realizzare tutto questo abbiamo bisogno di un’acqua che contenga una discreta quantità di sali minerali senza che la percezione gustativa arrivi ad un sapido marcato. Se doveste scegliere l'acqua per i vostri caffè al bar, il consiglio è di optare per una acqua con una maggiore presenza di sali: in questo modo otterrete un caffè migliore, più cremoso e più dolce, a scapito di un maggior deposito di calcare.


Per quanto riguarda la somministrazione domestica del caffè, sia espresso sia moka, è preferibile utilizzare un’acqua oligominerale naturale in bottiglia, quella che si trova in vendita nei supermercati o nei vari acqua shop è più che perfetta.


Caffè e acqua frizzante: sì o no?


Ci sono diverse leggende metropolitane legate all’argomento acqua migliore per il caffè, fantomatici trucchi che di sensazionale hanno davvero ben poco. Il primo fra tutti? L’uso dell’acqua frizzante.

Sarà sicuramente capitato anche a te di leggere o sentire che un bicchierino di acqua frizzante nel serbatoio della macchina aiuta ad avere un caffè più cremoso e corposo. Assolutamente falso. Un’affermazione senza fondamento. L’unica cosa che otterrai sarà una macchinetta piena di calcare da pulire e un caffè normale. Non sarà più vellutato grazie alle bollicine di anidride carbonica.



Quanta acqua serve per fare il caffè?


Per rispondere a questa domanda bisogna prima fare una distinzione: macchina del caffè espresso o moka?


Nel primo caso, essendo un elettrodomestico completamente automatizzato, sarà il meccanismo stesso a prelevare l’acqua necessaria al nostro espresso ottenuto con capsule caffè o cialde di caffè.


Nel caso della moka, invece l’acqua nella caldaia dovrà raggiungere, e mai superare, il livello della valvola di sicurezza. Questo per permettere alla pressione di trasportare il liquido fino al filtro, con il nostro macinato preferito. Se l’acqua supera la valvola, il risultato sarà un caffè dal sapore bruciato.



Selezionare la giusta acqua per il proprio caffè è essenziale. Potete acquistare anche la miscela più pregiata del mondo, ma senza una buona base tutto il resto è inutile.


E voi quale acqua usate per fare il caffè? Provate a seguire i nostri consigli e fateci sapere se anche voi notate la differenza!

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Spedizione GRATUITA con una spesa di almeno 39€